Foto e racconti a quattro mani: “Marocco, Essauira”

Il progetto, che potrebbe portare a una pubblicazione, è quello di mettere assieme i racconti di Maria Grazia Sessa e le fotografie di Salvatore Lumia 

All’imbrunire le strette vie della città di Essauira in Marocco si erano spopolate. Il fotografo andava a caccia di soggetti per qualche scatto in quella penombra che era invitante, ma non c’era nessuno. Improvvisamente vide incedere lentamente davanti a sé un anziano, indossava una tunica bianca, sulla testa lo jebba, tipico copricapo locale, appoggiava la mano sinistra ad un bastone rustico intarsiato con figure di pesci e col braccio destro cercava sostegno sul muro. Sembrava stanco, o forse non aveva forze sufficienti.Il fotografo fu colpito dal contrasto dei colori, tunica e jebba bianchi contro gli scuri muri della via immersi nella penombra. Decise di effettuare prima lo scatto per non farsi sfuggire quella combinazione così insolita e poi si avvicinò all’anziano per aiutarlo a raggiungere la sua abitazione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: